sabato 31 maggio 2014

Vi presento una creativa

Ciao e buon fine maggio, già... l'estate è alle porte.
Ci si prepara alla fine delle scuole e a prendere un po' di sole... per chi ne ha il tempo!
Questo mese il dream team Condividiamo Creativamente vi propone la presentazione di nuove amiche che entreranno a far parte del progetto; pertanto eccomi a fare da madrina alla giovane Martina e al suo blog.
Martina, con il nome Kairòs Gioielli, crea deliziosi gioielli in rame, delicati e adatti in ogni momento in cui ci si vuole sentire speciali, sono oggetti unici e forgiati con passione.
Ci siamo incontrate in occasione delle mia ricerca di qualcosa di unico per i miei feltri, nello specifico volevo dei bottoni particolari per le chiusure delle custodie per i quaderni. Sono stata fortunata perché abitiamo a pochi chilometri di distanza; in questo modo, abbiamo avuto l'occasione di scambiarci chiacchiere ed idee: cosa c'è di meglio della concretizzazione degli incontri che avvengono sul web!



Come si suol dire, bando alle ciance ed eccovi Martina, alla quale ho fatto qualche domanda.

Ciao Martina, raccontaci come ti sei avvicinata al mondo dei gioielli in rame e cosa ti ha motivato ad iniziare questo percorso
Ciao Daniela e grazie per avermi accolta nel tuo blog! Il mondo dei gioielli in generale mi affascina fin da quando ero piccola... ma l'amore per il rame è decisamente più recente! Mi sono avvicinata a questo bellissimo materiale circa due anni fa, seguendo dei blog di artigiane su internet. Ho iniziato ad informarmi e alla fine la curiosità ha avuto il sopravvento: ho comprato prima il filo e poi la lamina e mi sono messa a sperimentare! Piano piano ho acquistato più fiducia e ho iniziato a reperire gli attrezzi indispensabili, a imparare nuove tecniche, ad utilizzare nuovi materiali come l'ottone e l'argento... La cosa che amo di più del realizzare gioielli è la completa e totale libertà, la soddisfazione di creare dal nulla un oggetto che si può indossare, e che ti fa sentire bella e unica, proprio perché realizzando il gioiello in ogni sua parte, è anch'esso unico.
Broken: rame e argento fuso.
So che studi biologia: come coniughi lo studio e la realizzazione dei tuoi lavori?
La biologia è una materia affascinante da molti punti di vista... sono sempre stata un'amante della natura in generale e studiandola anche dal punto di vista biologico non ha fatto altro che accentuare questa mia passione e ammirazione nei suoi confronti! E' un'inesauribile fonte di ispirazione: infatti amo creare foglie in rame e ottone, cercando di renderle più "naturali" possibile. Una bella sfida, ma che mi da sempre grandi soddisfazioni.
Parure Hemisphere: rame e ceramica
 Mi hai parlato dei nomi che dai alle tue creazioni, secondo le tue emozioni: a che cosa ti ispiri in particolare? 
Dare un nome ai miei gioielli è un modo per trasmettere quello che ho provato nel crearli... non si tratta sempre di sentimenti o sensazioni, ma anche solo il primo pensiero che ho avuto guardando il risultato finito. E' un modo per renderli più "miei": quando mi separo da uno di loro una piccola parte di me va via con lui.
Ginkgo: ottone
 Abbiamo una passione in comune: la ceramica. Freddo il rame, calda la terra... gli opposti si attraggono, giusto?
Lavoro la ceramica da poco rispetto ai gioielli, ma sta diventando sempre di più qualcosa di concreto e necessario nel mio essere creativa: modellare l'argilla da sensazioni uniche, il contatto con la terra, il poter dare forma a un oggetto partendo, di nuovo, dal nulla... come ho già detto per i gioielli, è una soddisfazione unica! Hai ragione nel dire che gli opposti si attraggono, perché la mia ricerca, che mi spinge a rendere sempre più artigianale ciò che faccio, mi ha fatto avvicinare a questo mondo della ceramica proprio per unirlo a quello dei gioielli. Solo dopo aver iniziato ho capito che volevo avesse una sua identità... non avrei mai creduto che creare complementi d'arredo mi avrebbe dato così tanta gioia! Ma comunque un occhio è sempre rivolto verso i gioielli, il mio primo amore, e ho molti progetti paralleli che uniscono i due "mondi".
Moon: rame e vetro soffiato artigianale
 Dicci qualcosa di te, quali sono le tue aspettative per il tuo futuro?
Nel futuro più immediato ho intenzione di laurearmi in biologia, perché è un percorso che ho iniziato e che voglio concludere. Poi, sono aperta a tutto ciò che arriverà. Non nego che un sogno sarebbe quello di avere un mio laboratorio, con una parte dedicata ai metalli e un'altra alla ceramica... poter creare nella piena libertà, in un posto che sento mio, un "locus amoenus" dove poter essere me stessa. E perché no, anche per insegnare e trasmettere agli altri la gioia del realizzare qualcosa con le proprie mani.
Ciotola in ceramica
Bene, da parte mia posso dire che sono soddisfatta... ho un futuro come intervistatrice? Sì?
Nel mio futuro invece, altri progetti feltrosi che vedranno congiungersi con il rame, ma dovete avere pazienza, i miei tempi sono... biblici!
Per certo, sono già pronta alle nuove idee del mio specialissimo gruppo... anzi, andiamo a vedere le loro amiche creative, ne vedrete delle belle! Ciao, a presto


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...